- iLogo – Agenzia di stampa - http://www.ilogo.it -

Alla Triennale di Milano le scoperte artistiche di Massimo Minini

Milano 15 novembre – Ai 40 anni di attivita’ nel campo dell’arte contemporanea della galleria bresciana di Massimo Minini, la Triennale ha dedicato una mostra aperta dal 19 novembre al 2 febbraio, con le scoperte i giovani talenti da lui compiute. La galleria inizio’ l’attivita’ nel 1973 e subito Minini si interesso’ dei principali movimenti di avanguardia di quegli anni, contribuendo al successo di Sol LeWitt, protagonista del Minimalismo americano; Richard Long, altro americano, massimo esponente della Land Art; lo scultore inglese di origine indiana Anish Kapoor. Diversi anche gli italiani, come Garutti, Spalletti, Fabro, Boetti, Paolini, di cui si interesso’. Tenne inoltre presente le sperimentazioni figurative di Salvo, Ontani e Ryan Mendoza. Anche negli anni Novanta furono lanciati da Minini giovani italiani allora sconosciuti, ma che divennero protagonisti nel nuovo secolo. Primi tra tutti Maurizio Cattelan e Vanessa Beencroft, divenuti artisti di primo piano in campo internazionale, ed inoltre Eva Marisaldi e Stefano Arienti. Si sono poi affermati con lui anche Tino Segai, Monica Bonvicini, Haris Epaminonda. L’interesse di Minini si allargo’ anche alla fotografia, promuovendo Mulas, Ghirri, Cresci e Basilico. Di tutti sono esposte alla Triennale opere storiche, oltre a documenti ed una galleria di ritratti fotografici. Arricchisce la mostra il materiale dello sterminato archivio della galleria, che svela il lato più inedito e intimo degli artisti incontrati in questi quarant’anni. I documenti d’archivio saranno esposti in una speciale sezione. Accompagna la mostra il libro “Quarantanni. 1973-2013”, edito da a+mbookstore, info: www.triennale.it [1]